Le streghe del pra de la taca

  9 febbraio 2016

C’era una volta un pescatore di Mezzegra che teneva molto alla sua barca, per questo motivo la assicurava al molo con un nodo speciale che solo lui sapeva fare.
Una mattina però trovò la barca ormeggiata al solito posto ma legata in modo diverso…
Vuoi vedere che qualcuno ha usato la barca durante la notte?
Prese la barca uscì a pesca. Al rientro assicurò la barca con il suo nodo speciale e andò a casa . Purtroppo anche il giorno successivo la barca non era legata come lui l’aveva lasciata.
Il pescatore deciso a scoprire chi e per cosa usasse la sua barca di notte, quella sera si nascose sotto coperta e aspettò, aspettò, aspettò così tanto che si era persuaso che non sarebbe arrivato nessuno.
Ma a mezzanotte cominciò a udire delle voci, la barca oscillare e diverse persone prendere posto su di essa.
Poi una voce disse: barca parti per 1 , barca parti per 2, per 3, per 4, per 5 , per 6, per 7 …
La voce che era di una donna disse: si vede che una di noi aspetta un bambino … e così dicendo aggiunse… barca parti per 8 e la barca subito si sollevò dalle acque del lago ed iniziò a volare nel cielo.
Il povero pescatore capì di essere capitato in mezzo a 7 streghe e decise di starsene tranquillo sottocoperta per non farsi scoprire.
All’ordine della prima strega la barca si fermò ed atterrò a Torno, un paesino dell’altra sponda del lago.
Le sette streghe scesero dalla barca e sparirono fino alle prime luci dell’alba. Risalirono sulla barca, la prima strega disse barca parti per 1 , barca parti per 2 , la barca volò di nuovo ed atterrò a Mezzegra, le streghe scesero, assicurarono la barca con un nodo e sparirono.
La sera successiva il pescatore si nascose di nuovo sotto coperta , a mezzanotte arrivarono le streghe, salirono sulla barca, la prima strega disse di nuovo: barca parti per 1, barca parti per 2…. la barca partì e volò ancora fino a Torno.
Le streghe scesero e questa volta il pescatore le seguì di nascosto.
Arrivarono in una radura dove fecero un ballo stregati , raccolsero alcuni rametti da una pianta che cresceva solo in quel luogo ;anche il nostro pescatore ne raccolse un rametto e se lo mise sul berretto per non perderlo….alle prime luci dell’alba tornarono volando sulla barca a Mezzegra, la legarono e si diedero appuntamento per la notte successiva al PRA DE LA TACA, un luogo antichissimo situato a metà montagna sopra Mezzegra, dove un tempo streghe e stregoni facevano i loro balli , per i loro sabbah!
Il povero pescatore sempre più spaventato sgranò gli occhi dallo stupore, quando , sbirciando , riconobbe sua moglie tra le 7 streghe!
La sera successiva seguì sua moglie e le altre streghe fino al PRA DE LA TACA , la si nascose dietro ad un masso e spiò le streghe che ballando e gettando nel fuoco i rametti recitavano formule magiche.
Al pescatore scappò uno starnuto e fu scoperto dalle streghe che volevano gettarlo nel fuoco insieme ai rametti…ma riconosciuto dalla moglie e grazie al rametto che portava sul berretto si salvò.
Le streghe gli fecero bruciare il rametto, promettere che in cambio della vita non avrebbe mai raccontato nulla a nessuno e che loro, le streghe, avrebbero potuto continuare ad usare la sua barca ogni notte.
Così il pescatore ebbe salva la vita!