Moltrasio

Moltrasio lago di Como

  18 agosto 2015

Abbiamo un legame particolare con questo paese.
La nonna Emma ha vissuto parte dell’infanzia ed adolescenza proprio a Moltrasio.
I suoi genitori hanno vissuto qui per oltre 50 anni e a noi piaceva molto andare a fargli visita nella loro casa al lago.
Nonna Emma ci ha sempre raccontato che per andare a scuola doveva percorrere la Scala Santa, ben 362 gradini, che unisce la zona a lago al centro del paese.
Qui troviamo la scultura dedicata a Vincenzo Bellini, il musicista che scrisse proprio a Moltrasio “La Straniera” e parte di “La Sonnambula” durante i soggiorni a Villa Erker e Villa Passalacqua.
E qui soggiornò anche Virgilio Ranzato che compose la musica dell’operetta “Paese dei Campanelli”.
Sempre a lago di fronte al Grand Hotel Imperiale Moltrasio, un portico collega l’Albergo Posta con l’oratorio di San Rocco.
La Scala Santa arriva poi in centro paese alla parrocchia di San Martino, all’interno della quale ci sono degli affreschi del Fiamminghino.
La chiesa romanica di Sant’Agata è poco distante.
Sulle pendici del Monte Bisbino sono visibili le cave dalle quali un tempo si estraeva la pietra moltrasina, materiale da costruzione utilizzato su tutto il Lago.
Delle belle escursioni panoramiche collegano Moltrasio lago di Como con Rovenna-Cernobbio e con Carate Urio.
Moltrasio è un paese riservato e forse è proprio per questo che molti personaggi celebri come stilisti o calciatori (l’ex capitano Zanetti dell’Inter ad esempio) lo scelgono per risiedervi.
Villa Versace dove hanno soggiornato personaggi noti come Madonna o Naomi Campbell ne era un esempio.