Sagra di San Giovanni dell’Isola Comacina

La Sagra di San Giovanni dell’Isola Comacina e il Comballo

  26 giugno 2014

Mancano solo alcuni giorni alla Sagra di San Giovanni dell’Isola Comacina sul Lago di Como…

Non perdetevi lo spettacolo pirotecnico del sabato e la cerimonia religiosa della domenica!!

Oggi si raggiunge l’Isola Comacina con i battelli, mentre un tempo si utilizzavano i comballi (cumball).

Il comballo era l’imbarcazione che, per la semplicità di costruzione e le sue caratteristiche strutturali, si diffuse costantemente sul Lago di Como in ogni periodo storico.

Il fondo di questa imbarcazione era costituito da un’unica parte piatta che dalla poppa arrivava alla curva di prua.

Aveva un’imponente timone alloggiato posteriormente su di un fianco ed una vela sostenuta da un’albero (arbusel), posto a circa un terzo da prua.

La vela sfruttava unicamente il vento di poppa e vi erano due remi a prua per procedere in mancanza di vento e per le manovre di attracco.

La tipologia costruttiva del comballo divenne parte della tradizione professionale dei maestri artigiani del Lago di Como, soddisfava infatti le esigenze del trasporto locale principalmente di materiali edili.

Gli abitanti del Lario lo chiamavano il “mulo” per il suo stile rozzo e le sue linee essenziali.

I comballi, proprio per le loro dimensioni, erano le barche di legno usate per il trasporto delle genti in processione verso l’Isola Comacina (Castell) fino a qualche decennio fa.

I trasporti per via d’acqua con i comballi si fecero sempre più rari dall’inizio del XX secolo.

Quando i comballi navigavano a pieno carico avevano le fiancate poco al di sopra della superficie dell’acqua del lago, causa questa di frequenti naufragi testimoniati dalla ricca documentazione iconografica degli “ex voto” conservati nei Santuari sul Lago di Como.

Partecipando alla Sagra di San Giovanni dell’Isola Comacina sarà possibile vederne una raccolta presso l’Antiquarium di Ossuccio.