Castello di Vezio

Situato sopra Varenna, il Castello di Vezio è un antico avamposto militare di origine medievale costruito su volere della regina longobarda Teodolinda.

Il Castello si collegava al borgo di Varenna tramite due lunghe mura che proteggevano il paese e i suoi abitanti dalle frequenti guerre e saccheggi. Parzialmente restaurato nel XX secolo, oggi il Castello di Vezio è un luogo ricco di storia, arte, natura e cultura del territorio.

È possibile visitare i giardini, i sotterranei, la cinta muraria e salire sulla torre dove si può ammirare un meraviglioso panorama sul lago di Como.

Il castello ospita anche un centro di allevamento, cura e addestramento di rapaci i quali si possono ammirare durante una delle dimostrazioni di falconeria giornaliere.

Griante: Villa Petra e Villa Norella

Villa Petra fu costruita dalla famiglia Guaita negli anni venti del novecento.

I Guaita l’arredarono con gusto molto raffinato e vi raccolsero delle opere d’arte d’inestimabile valore: porcellane Ming, quadri di Giovanni Battista Tiepolo e del Piazzetta, intagli di Brustolon.

Alla morte del Sig. Guaita, Raffaele Calzini curò la presentazione del catalogo d’asta.

La villa venne acquistata dalla Famiglia Sterzi che completò l’accesso al parco con l’imponente cancello in ferro battuto.

Negli anni novanta la villa fu acquistata dal signor Lieven che vi istituì la sede della Fondazione Internazionale per il Pianoforte “Theo Lieven”. Qui ogni anno sette pianisti provenienti da tutto il mondo hanno l’opportunità di studiare con illustri artisti di fama internazionale.

Villa Norella fu costruita a fine ottocento in posizione dominante il lago. Il suo giardino discende a balze verso la Statale Regina.

Suo primo proprietario fu il Signor Murchison, uomo colto e di grande capacità artistica.

Il Signor Murchison ha lasciato sulla facciata della chiesa Anglicana, che sorge ai piedi del giardino di Villa Norella, due mosaici di eccellente fattura da lui realizzati come passatempo.

Griante: Villa del Cedro e Villa Giuseppina

Villa del Cedro è una bella villa settecentesca che gode di un incantevole panorama sul centro e sull’alto lago di Como.

Villa del Cedro deve il suo nome all’imponente cedro del Libano del suo parco dove si ammirano anche le bellissime fioriture delle rose, le azalee, i rododendri, le ortensie, le dalie ed i crisantemi.

Villa Giuseppina, invece, fu costruita agli inizi del novecento dalla famiglia inglese Garwood, successivamente passò di proprietà agli svizzeri Fritz ed infine alla famiglia tedesca Eller.

Il giardino è ricco di alberi di pregio quali aceri giapponesi, querce da sughero, i mirti, i cedri e da numerosi esemplari di pregiati ulivi centenari.

Griante: Villa Maria e Villa Margherita

Villa Maria e Villa Margherita sono circondate da bellissimi parchi naturali con vista sul Lago di Como.

Villa Maria è immersa in uno splendido parco che dalla strada Statale Regina arriva al centro del paese di Griante.

La villa è caratterizzata da un corpo centrale con logge a tre archi. Venne fatta costruire fra il 1889 e il 1892, su progetto di Giacomo Mantegazza di Menaggio, da Martin Clerc e portata a termine da un’erede, Josephine May.

Nella sua serra di ferro e vetro, venne girata la pubblicità dell’ “Amaro Averna” negli anni 90.

Villa Margherita fu costruita a metà Ottocento dalla Famiglia Ricordi, famosi editori di musica di Milano.

Ospitò Giuseppe Verdi, che qui compose parte de “La Traviata”.

Villa Margherita è riconoscibile per l’orologio e le due sculture posti sul cornicione. La sala ad emiciclo affacciata sul giardino ricco di piante rare, le azalee, i rododendri e le rose, un tempo era dedicata a piccoli concerti.

Amilcare Ponchielli frequentò la Villa di Cadenabbia ed iniziò qui la creazione della sua opera “I Lituani” che ebbe grande successo alla Scala di Milano nel 1874.

Altro ospite di Villa Ricordi fu il fondatore del conservatorio di San Pietroburgo, Anton Rubinstein compositore e direttore d’orchestra.

Griante Villa Ronconi – Villa Sada

Griante Villa Ronconi – Villa Sada due progetti del famoso ing. Giacomo Mantegazza.

Villa Ronconi fu costruita sulle rovine di un vecchio castello medievale dal Signor Maresi.

La villa è ancora cinta da mura, con merli guelfi tipici di quel tempo.

Essa fu l’ultima impresa dell’Ingegner Giacomo Mantegazza.

In tempi recenti ha ospitato il Segretario Generale dell’ONU Kofi Annan.

Villa Sada venne fatta costruire nel 1891 dall’inglese sig. Alfredo Trench su progetto dell’ing. Giacomo Mantegazza.

Nel 1955 venne acquistata dal Cavaliere del Lavoro Alfonso Sada, fondatore nel 1921 della Simmenthal, ditta per la conservazione della carne in scatola. Gli eredi ne sono ancora proprietari.

Griante Villa La Collina-Villa Rosa

Griante Villa La Collina-Villa Rosa sono le due ville amate da Adenauer.

Villa La Collina fu eretta dove in precedenza sorgeva un’antica torre medievale, il vasto parco a terrazze è ricco di fiori e belle piante da giardino pregiati.

Fu costruita nel 1899 dalla Famiglia Suardi, allora proprietaria dell’Hotel Cavour di Milano.

In un secondo tempo, fu poi acquistata dai Conti Gallifer, francesi, i quali la affittarono al cancelliere della Repubblica Federale Tedesca Konrad Adenauer.

Egli considerava Cadenabbia la sua seconda patria. Nel 1977, a dieci anni dalla sua morte, la villa fu acquistata dalla Fondazione Adenauer.

Oggi è un rinomato albergo e ospita congressi internazionali tra personalità del mondo politico, economico, culturale e religioso.

Villa Rosa, costruita nel 1904 dai tedeschi Heck, è collocata su un ampio pianoro ed è caratterizzata da un romantico ed ombroso vialone che discende verso la riva del lago.

Villa Rosa fu la prima ad ospitare Konrad Adenauer, che vi soggiornò nel 1956.

Griante e le ville

Non si può parlare di Griante lago di Como senza ricordare le ville e tutti i personaggi famosi che vi hanno soggiornato.

Già nell’Ottocento il suo fascino aveva conquistato viaggiatori da tutto il mondo, aristocratici e scrittori famosi come Stendahl, Regazzoni oppure musicisti del calibro di Giuseppe Verdi che pare qui abbia preso ispirazione per una parte della Traviata.

La maggior parte di esse sono tutt’oggi di proprietà privata e quindi non visitabili, ma si possono ammirare attraverso i loro bellissimi parchi mentre si percorre la Green Way Lago di Como.

Negli articoli seguenti troverete un accenno alla storia delle ville di Griante, alla fabbrica di majolica ed alla chiesa Anglicana.

Orticolario Villa Erba Cernobbio

Ogni anno all’inizio di ottobre nella prestigiosa sede di Villa Erba Cernobbio sul Lago di Como si svolge una delle manifestazioni più importanti per gli amanti del verde: l’orticolario. Qui le piante e i fiori sono i veri protagonisti di queste giornate.

Gli amanti dell’aria aperta si possono sbizzarrire nella scelta di alberi e arbusti da giardino, alberi da frutto, semi, i bulbi, i fiori e arredamenti per esterno per creare i propri angoli di paradiso in giardino o sul terrazzo di casa.

Mille colori e profumi catturano l’attenzione dei visitatori.

Non si può uscire da qui a mani vuote …